Controllo contatto

Controllo contatto mola

Il controllo dell’equilibratura della mola e del suo ravvivatore (diamantatore) consentono di ottenere un profilo perfetto e in grado di ottimizzare le asportazioni, con evidente incremento della durata degli utensili e minore impatto ambientale.

L’identificazione esatta dell’istante in cui l’utensile entra in contatto con il pezzo lavorato, costituisce un’informazione essenziale per la minimizzazione del tempo ciclo. L’utilizzo di tale informazione permette di ridurre il tempo di “taglio in aria”, massimizzando gli avanzamenti degli assi.

Controllo del contatto della mola: i sensori di Balance Systems

In Balance Systems offriamo una gamma completa di sensori di potenza e di emissione acustica, stand-alone o integrati nella testa equilibrante installata nel mandrino-mola, che abbinati a una raffinata unità di controllo, che sfrutta tecniche avanzate di filtraggio digitale, sono in grado di:

  • Rilevare contatti sub-micrometrici (funzione “gap”)
  • Monitorare costantemente la lavorazione in corso prevenendo situazioni di collisione (funzione “anti-crash”)
  • Fornire i segnali di retroazione (feed-back) per azioni di controllo adattativo

Inoltre, questi sensori di potenza e sensori AE, stand-alone o integrati nella testa di bilanciamento dedicata alla mola-mandrino, possono essere combinati con una raffinata unità di controllo che sfrutta tecniche avanzate di filtraggio digitale

Contatta i nostri esperti









I NOSTRI COMPONENTI PER IL CONTROLLO DI CONTATTO

Prodotti visualizzati: 3

GAMMA DI SISTEMI PER LA RETTIFICA

Balance-systems_range

Scopri tutti i nostri sistemi di controllo di processo per macchine rettificatrici!

BILANCIATURA

L’equilibratura del mandrino e della mola è un’operazione fondamentale per l’ottenimento della qualità superficiale delle lavorazioni e per garantire lunga vita ai componenti in rotazione.

MISURA

L’utilizzo dei nostri sistemi di misura in-process consente di produrre pezzi lavorati conformi alle tolleranze più restrittive. Le nostre applicazioni sono progettate per essere immuni alle variabili ambientali più severe (shock termici, aggressività dei refrigeranti, vibrazioni locali o indotte) e per operare in cicli ad alta velocità di esecuzione.