Misura

Misura del processo di rettifica: i sistemi Balance Systems

L’utilizzo dei nostri sistemi di misura in-process consente di produrre stabilmente componenti conformi alle tolleranze più severe.

Il misuratore in-process rileva la quota (la dimensione) in tempo reale e permette all’operatore di intervenire per effettuare gli eventuali aggiustamenti, al fine di stabilizzare il processo di produzione. La misura ottenuta durante il processo di rettifica consente se necessario di ridurre o aumentare la velocità di avanzamento della mola e di fermarla quando il pezzo in lavorazione ha raggiunto la quota stabilita.

Le applicazioni sono progettate per essere immuni alle variabili ambientali più severe (shock termici, aggressività dei refrigeranti, vibrazioni locali o indotte) e per operare in cicli ad alta velocità di esecuzione.

Sistemi di misura rettificatrici

I nostri sistemi di misura per rettificatrici includono:

  • Misura assoluta di diametri ad ampio intervallo
  • Misura comparativa a piccolo e grande campo con master di riferimento
  • Controllo di superfici continue e interrotte (regolari e irregolari)
  • Analisi di rotondità e di forma
  • Misura di diametri esterni, interni, spessori, divisione sovra-metallo, conicità, spallamenti, ecc.
  • Ampia gamma di accessori: slitte, supporti, braccetti, tastatori e sistemi anti-crash
  • Part-program dedicati alle singole tipologie di pezzi da produrre
  • Compensazione automatica per la correzione del processo
  • Applicazioni speciali personalizzate

 

Contatta i nostri esperti









I NOSTRI COMPONENTI PER LA MISURA

Prodotti visualizzati: 6

GAMMA DI SISTEMI PER LA RETTIFICA

Balance-systems_range

Scopri tutti i nostri sistemi di controllo di processo per macchine rettificatrici!

BILANCIATURA

L’equilibratura del mandrino e della mola è un’operazione fondamentale per l’ottenimento della qualità superficiale delle lavorazioni e per garantire lunga vita ai componenti in rotazione.

CONTROLLO DI CONTATTO

Sistemi di controllo: controllo di contatto

Il riconoscimento della condizione di contatto tra l’utensile (mola) e il suo ravvivatore (diamantatore), consente inoltre di ottenere un profilo perfetto e di ottimizzare le asportazioni, con evidente incremento della durata degli utensili e minore impatto ambientale.